Skip to content

RIGATONI ALLA PAJATA TRADIZIONE ROMANA

rigatoni alla pajata

Conosciamo molti piatti della tradizione romana, ma spesso si ignora la valenza che possa avere una pietanza poco rinomata e altrettanto saporita. Si tratta dei rigatoni alla pajata, che come pochi sanno è a base di trippa romana.

LA RICETTA DEI RIGATONI ALLA PAJATA 

Gli ingredienti sono i seguenti:

  • 320 grammi di rigatoni
  • 500 grammi di pajata di vitello
  • 500 grammi di passata di pomodoro
  • 30 grammi di cipolle bianche
  • 50 grammi di sedano
  • 15 grammi d’aglio
  • 200 grammi di vino bianco
  • 30 grammi di olio EVO
  • Sale grosso q.b.
  • Peperoncino in polvere
  • Pecorino abbondante grattugiato (facoltativo

PROCEDIMENTO 

Preparare un trito per il soffritto dei rigatoni alla pajata

Tagliuzzare la cipolla, poi il sedano. 

Prendere una casseruola capiente versare l’olio la cipolla e il sedano, poi aggiungere  l’aglio con la buccia e fare soffriggere per bene a fuoco lento, mescolando di continuo (per evitare che bruci o si attacchi).

Dopo aver lavato per bene la pajata, facendo attenzione a non romperla, aggiungerla in casseruola, lasciando che soffrigga con il trito per una decina di minuti. 

Poi sfumare tutto con il vino bianco, e lasciare asciugare ricordando di togliere l’aglio.

Dopo che il vino sarà completamente evaporato, si può aggiungere la passata di pomodoro, dunque il sale grosso poi il peperoncino. 

Mettere un coperchio e lasciare cuocere per almeno due ore, a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto. 

Se tutto asciuga troppo, allora diluire con dell’acqua. 

Quasi a fine cottura siamo pronti a mettere la pasta a lessare in acqua salata bollente. 

Quando sarà pronta scolarla e metterla direttamente nel tegame della pajata.

Lasciare che salti tutto in padella, così che si amalgami tutto bene a fiamma viva, ed eventualmente aggiungere un pizzico di sale se necessario. 

Siamo pronti dunque per impiattare e servire i rigatoni. 

Facoltativa la spolverata di pecorino romano per dare un sapore ancora più deciso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code